Karl Stengel in mostra presso il Museo Guillermo Ceniceros di Durango in Messico

Espressionismo astratto e figurativo di Karl Stengel

L’espressionismo astratto e figurativo del Maestro ungherese Karl Stengel 

In mostra presso il Museo Guillermo Ceniceros di Durango in Messico

Karl era un vero artista che sentiva costantemente la necessità di disegnare: realizzava le sue opere oltre che su tela e su carta, su vari supporti: su pagine di enciclopedia, sui suoi stessi cataloghi, su pagine di atlanti e spartiti musicali, su fotocopie di riviste e di articoli di giornale. Diverse centinaia di disegni e dipinti realizzati a partire dagli anni Sessanta costituiscono il suo patrimonio artistico preservato dalla Collezione Stengel di Firenze, associazione senza fine di lucro.

Karl Stengel ha vissuto momenti importanti e drammatici della storia dell’arte del XX secolo. Nato sulle rive del Danubio nel 1925 a Novisad, allora ungherese, ha avvertito sin all’infanzia l’impulso di “dover” disegnare, fortemente attratto dal contrasto tra il bianco e il nero. Nei disegni di Karl, così come in alcuni suoi dipinti, la figurazione prevale sull’espressionismo astratto, facendo affiorare prepotentemente le passioni e le sofferenze umane; le stesse emozioni che si ritrovano nelle taverne e nei bordelli descritti nelle opere di Blaise Cendrars e Charles Bukowski, autori che hanno influenzato da sempre la produzione artistica dell’artista ungherese. Karl Stengel ha trascorso gli ultimi anni della sua vita tra Germania e Italia, ed è mancato nel giugno del 2017 nella sua amata campagna toscana. Il critico Giampaolo Trotta ha scritto sulla sua arte: “una figurazione surreale […] di ascendenza più marcatamente europea e segnatamente espressionista tedesca. Opere tutte assai originali e di forte impatto, che uniscono il raro pregio di possedere un’assoluta identità artistica, ma al contempo una forte radice culturale nell’arte storica del Novecento”. 

21 opere realizzate tra la fine degli anni 90 e il 2015 saranno esposte in vari musei del Messico da marzo 2020 fino ai primi mesi del 2021. Una mostra itinerante realizzata dalla Collezione Stengel grazie alla collaborazione del maestro Rafael Aguirre. La prima mostra rimarrà aperta fino alla seconda settimana di maggio con ingresso gratuito presso il Museo de Arte Guillermo Ceniceros in Calle Aquiles Serdán 1225, Durango, Messico.
Guarda il video

La Collezione Stengel

Nel 2017, la Collezione Stengel ha aperto in Palazzo Rosselli del Turco di Firenze, uno spazio espositivo permanente delle opere di Karl Stengel (1925-2017), con la finalità di continuare a promuovere l’arte di questo grande artista di incredibile talento.

La Collezione Stengel espone a rotazione disegni e quadri realizzati con pastelli a olio, colori acrilici, penne o matita. Vengono realizzati eventi e mostre dedicate all’opera di Karl, ed occasionalmente la Collezione espone opere di artisti internazionali.

www.stengelcollection.org


La Collezione Karl Stengel

La Collezione Karl Stengel è un piccolo museo a Firenze al Palazzo Roselli del Turco, via dei Serragli 17, sede nella seconda metà dell’Ottocento degli studi di artisti e dell’ambasciata americana negli anni di Firenze Capitale. È stata voluta dalla moglie di Stengel per i lavori di suo marito, un artista senza compromessi.

Con costante determinazione la ‘Collezione Stengel’  proseguirà nell’attività di diffusione e conservazione dell’opera di Karl, che merita – non soltanto a nostro giudizio – ogni riconoscimento.

Stengel non cercava la notorietà. Si ha sempre dedicato a disegnare e dipingere, nella tranquillità del suo studio e spesso ascoltando musica.

La Collezione ospita tanti lavori di Stengel, quadri e disegni.

Nei disegni di Karl Stengel, a differenza dei suoi dipinti, la figurazione prevale sull’ espressionismo astratto, facendo affiorare prepotentemente le passioni umane. Emozioni forti, che troviamo nelle opere letterarie di autori che lo hanno ispirato, come Boccaccio, Giuseppe Ungaretti, Blaise Cendrars, Charles Bukowski, Ivan Goll, Samuel Beckett o Antonio Tabucchi.


La “Collections Stengel” au Palazzo Rosselli del Turco de Florence continuera avec une détermination constante son activité de diffusione t de conservation de l’ouvre de Karl, qui mérite – pas seulement à notre avis – cette reconnnaissance de la part du public après laquelle il n’a jamais couru. Il ne recherchait pas la notoriété.

Il s’est toujours dédié au dessi net à la peinture dans la tranquillità de son atelier en écoutant de la musique.

Dans les dessins de Karl Stengel, à la différence de ses tableaux, la figuration prévaut sue l’expressionisme abstrait, faisant émerger avec force les passions humainés. Émotions fortes que nous retrouvons dans les oeuvres littéraires des auteurs qui ont inspire Karl Stengel come Blaise Cendrars, Charles Bukowski, Ivan Goll, Samuel Beckett o Antonio Tabucchi.

Nous remercions tous le musées qui voudraient bien exposer quelques-uns des dessins de Stengel et serions également disposes à en offrir sous certaines condition.

www.stengelcollection.org

tel. 0039 340 5779080

(ingresso libero)

Disegni per “Aspettando Godot” di Beckett – Zeichnungen zu Beckett – Warten auf Godot

Nuova galleria di disegni inediti

I disegni di questa galleria non sono stati mai esposti o pubblicati. Le dimensioni delle opere sono di circa 30 cm X 30 cm

« 23 di 24 »